Politica antiriciclaggio

Paxful, Inc. e Paxful USA, Inc. (individualmente e collettivamente, la “Società”), costituite secondo il diritto dello stato del Delaware, offrono servizi di acquisto e vendita di bitcoin, la valuta digitale decentralizzata (“bitcoin”) attraverso un mercato peer-to-peer (“P2P”) decentralizzato su Internet.

La Società è registrata presso il Financial Crimes Enforcement Network (“FinCEN”) del Dipartimento del Tesoro degli Stati Uniti come “Money Services Business”. Le politiche e le procedure antiriciclaggio (“AML”) di Paxful sono pensate per impedire che si svolgano attività illecite sulla piattaforma e proteggere dai criminali gli utenti, l'attività, le community dedicatr ai servizi finanziari e le valute digitali. La Società è conforme ai requisiti del Bank Secrecy Act e alle regolamentazioni e linee guida collegate del FinCEN.

Nel quadro delle politiche di conformità di Paxful sono state realizzate procedure e politiche Know Your Customer (“KYC”) per clienti individuali e istituzionali, che consentono alla Società di poter ritenere ragionevolmente di conoscere la vera identità di quei clienti per i quali tali esami sono stati effettuati. La politica si applica a tutti gli utenti dela piattaforma ed è seguita da tutti i dipendenti, consulenti, agenti, proprietari e direttori della Società.

Nel quadro delle politiche di conformità AML e KYC, Paxful ha adottato un approccio basato sul rischio e intrapreso le seguenti misure:

  • Nomina di un Chief Compliance Officer di esperienza e indipendenza sufficienti, responsabile della supervisione della conformità alle leggi, regolamentazioni, regole e linee guida di settore pertinenti;
  • Creazione e prosecuzione di politiche KYC, CDD (Customer Due Diligence) ed EDD (Enhanced Due Diligence) basate sul rischio;
  • Creazione di fasce di verifica basate sul rischio per la verifica degli utenti della Società (consulta questo post sul blog);
  • Collaborazione con le richieste delle forze dell'ordine e soddisfazione dei requisiti normativi locali;
  • Compilazione dei report sulle attività sospette (“SAR”);
  • Formazione OFAC/AML/BSA per tutta la Società;
  • Utilizzo di vari sistemi anti frode;
  • Monitoraggio delle transazioni costante e basato su regole;
  • Indagine tramite l'analisi della blockchain;

Se sappiamo, sospettiamo o abbiamo ragione di sospettare che sulla nostra piattaforma si siano svolte attività sospette, compiliamo dei SAR. Una transazione sospetta è spesso una transazione differente rispetto ai mezzi e alle attività personali, nonché all'attività nota e legittima, di un utente. Il nostro Chief Compliance Officer esamina le attività sospette e indaga per determinare se le informazioni raccolte sono sufficienti per compilare un SAR. Il Chief Compliance Officer conserva inoltre documentazione e archivi a supporto di tutti i SAR compilati.

La Società ha inoltre adottato procedure e politiche di sanzione OFAC pensate per impedire che la piattaforma venga usata per transazioni vietate, da individui sottoposti a sanzioni o con lo scopo di eludere, evitare o aggirare in altro modo sanzioni globali o degli Stati Uniti.

Paxful collabora appieno con tuttie le liste di Specially Designated Nationals (SDN) and Blocked persons dell'OFAC. Per conoscere l'elenco basato sul rischio dei paesi ai quali non è consentito usare la piattaforma Paxful, consulta questo link.

Se Paxful ti ha fornito una traduzione della versione inglese della presente politica, accetti che la traduzione ti venga fornita solamente per tua comodità, e che il tuo rapporto con Paxful sia regolamentato dalla versione in lingua inglese di tale politica. In caso di contraddizioni tra la versione in lingua inglese della politica e la versione tradotta, la versione di riferimento sarà quella in lingua inglese.